RIALZARE LA TESTA E FARE UNA BUONA GARA CON IL TRESTINA

18 dicembre 2014

RIALZARE LA TESTA E FARE UNA BUONA GARA CON IL TRESTINA

Il team manager Bevignani: “Questa squadra ha dei valori veramente alti, sia morali che tecnici”

Mancano oramai un paio di giornate al giro di boa di questo campionato. Dimenticate la ultime sconfitte, compresa quella di Siena, il Sansepolcro dovrà confrontarsi prima con il Trestina e poi con il Bastia il prossimo 4 gennaio. Seppure con qualche giorno di anticipo, possiamo iniziare a fare una sorta di bilancio di queste prime quindici giornate di campionato che hanno portato alla formazione di mister Davide Mezzanotti 24 punti. Lati positivi e lati negativi di questo avvio di stagione? La risposta è affidata al team manager della prima squadra, Massimo Bevignani. “Direi che quelli positivi sono un numero superiore rispetto a quelli negativi: di positivo, quindi, c’è la classifica, il gioco espresso dalla squadra e la valorizzazione dei giovani, che alla fine è la cosa più importante. Ne è la prova anche il fatto che siamo in testa alla speciale classifica “Giovani D Valore”, con un netto vantaggio sulle inseguitrici. bevignani-682x1024Se proprio devo trovare un aspetto negativo, posso dire i pochi punti raccolti in queste ultime giornate di campionato, nonostante il bel gioco espresso”. Lei che siede in panchina, come vede il rapporto tra il mister e i giocatori? “Direi ottimo – continua Bevignani – perché è improntato nella chiarezza e nel rispetto reciproco: è chiaro che il mister deve fare delle scelte, perché più di undici non si gioca a calcio, ed è chiaro che a volte c’è sempre chi spera di giocare di più”. Un gruppo unito come una famiglia. La forza in campo di questo Sansepolcro? “E’ quella di vedere che su ventiquattro giocatori in rosa, venti sono della zona e vengono dalle giovanili bianconere. Ma anche gli altri, originari di differenti zone, sono oramai biturgensi a tutti gli effetti”. Dopo tre sconfitte consecutive, domenica al Buitoni arriva il Trestina: tre punti obbligatori? “Diciamo che è una domenica in cui dobbiamo rialzare la testa e fare tre punti – aggiunge il team manager bianconero – perché oramai è troppo tempo che perdiamo: la sconfitta, poi, non fa piacere a nessuno. Sarà poi il campo a decidere il risultato giusto: però sì, domenica ci voglio tre punti senza mezzi termini”. Un Sansepolcro che, come ha già detto Lei, deve rialzare la testa: l’obiettivo resta comunque quello della salvezza il prima possibile? “Io non voglio essere banale: credo che per la salvezza non ci sono problemi, perché questa squadra ha dei valori veramente alti, sia dall’aspetto morale che da quello tecnico. Facciamo un bel campionato e togliamoci delle soddisfazioni”.