NON E’ UN CAMPIONATO PER CUORI DEBOLI!

NON E’ UN CAMPIONATO PER CUORI DEBOLI!

23 marzo 2015 Non attivi Di administrator

NON E’ UN CAMPIONATO PER CUORI DEBOLI!

Alzi la mano chi, a sette giornate dal termine, avrebbe scommesso qualche mese fa su di un finale di campionato così incerto. Il girone ci sta regalando sorprese, colpi di scena e risultati mai scontati fino al novantesimo: le squadre battezzate come “ammazza campionato” stanno facendo fatica, e non poca, a prendere il largo e la lotta per il primato è più che mai aperta e tutt’altro che scontata. In zona play off si azzuffano almeno sette squadre e nei bassifondi, eccetto un paio di casi, nessuno si da per vinto sia che affronti una diretta concorrente per la salvezza sia che affronti una delle prime della classe. In questo contesto di incertezza il Sansepolcro, con i suoi undici risultati utili consecutivi, sta consolidando a suon di punti una posizione di classifica ben lontana dall’iniziale obiettivo salvezza e che può legittimare, e guai se così non fosse, sogni di gloria per un finale di campionato da vivere tutto d’un fiato e senza escludere colpi di scena. La vittoria di Colle Val d’Elsa, aldilà del risultato rotondo (e sarebbe potuto esserlo anche di più, non fosse altro per i due gol annullati) regala segnali positivi sotto ogni punto di vista: la seconda vittoria consecutiva rafforza una rincorsa verso il vertice della classifica che prescinde da assenze ed infortuni e che si palesa, domenica dopo domenica, con prove di sempre maggior carattere. La lista dei migliori in campo non lascerebbe nessun escluso e sembra riduttivo mettere in fila una serie di nomi a sottolineare prestazioni degne di nota. Un plauso corale quindi sia agli undici in campo, sia ai subentrati e, ovviamente, al tecnico Mezzanotti, che ha saputo mettere in campo una squadra che è riuscita a macinare gioco, andando per tre volte in rete, senza mai subire la manovra avversaria ed, anzi, tenendo in mano il pallino del gioco per tutti i novanta minuti (cosa non facile se si considera che a Colle, tanto per dirne una, il Siena non andò oltre il pareggio). Da segnalare, semmai, la presenza nell’undici iniziale dei (soliti) tanti giovani, con l’ingresso in campo nella ripresa di Gennari (autore di una tripletta con la juniores il giorno prima) ed il battesimo in serie D per Fabio Mezzanotti, classe 1997, che a discapito della manciata di minuti giocata hanno fatto vedere di non temere il confronto con un campionato difficile come l’interregionale. Oltre il risultato quindi una prestazione eccellente, senza sbavature, che evidenzia un ottimo stato di forma della squadra ed una giusta tranquillità, quella di chi sa di aver fatto tanto, tantissimo, ed allo stesso tempo ha acquisito la consapevolezza di poter recitare una parte da protagonista in questo campionato. Numeri alla mano, il rammarico per qualche punto perso nelle scorse partite viene subito confortato da un calendario che potrà mettere ben presto alla prova le definitive potenzialità di questo gruppo, regalando scontri diretti ed incroci pericolosi fra tutte le attuali pretendenti alla promozione. E chissà se, in questo folle campionato, alla fine possa scapparci qualche ulteriore sorpresa.