DOBBIAMO STARE TRANQUILLI, MA GUARDARE PURE ALLA CLASSIFICA

26 novembre 2015

DOBBIAMO STARE TRANQUILLI, MA GUARDARE PURE ALLA CLASSIFICA

Il difensore Filippo Volpi commenta questo particolare periodo per il Sansepolcro

Seppure la sua giovane età è uno dei perni della difesa bianconera: Filippo Volpi, classe ’96, è cresciuto nel settore giovanile del Sansepolcro, arrivando alcune stagioni fa in prima squadra. Inoltre, più volte è stato chiamato a indossare la casacca della Rappresentativa di Serie D. Bianconeri che non stanno certamente attraversando un periodo facile, con l’impegno messo sul campo che non si riflette sui punti in classifica. Non è certamente il momento più opportuno per tirare i remi in barca, ma è necessario guardare avanti con fiducia e ottimismo. Filippo, come commenti la sconfitta di Ponsacco? “E’ davvero dura trovare le giuste parole: noi l’abbiamo comunque dimostrato sul campo chi davvero siamo; impegno, costanza, ci siamo sempre stati in partita. Il capitano che ha colpito il palo, più tutte le varie occasioni: eravamo in vantaggio, poi siamo rimasti in dieci ma abbiamo tenuto fino alla fine; dopo, però, gli avversari hanno comunque trovato la rete del vantaggio”. Mentre prendendo in considerazione questa prima frazione di campionato, quale bilancio possiamo tracciare? “Se guardiamo la classifica è ovvio che l’inizio non è stato certamente dei migliori: ci troviamo in una posizione amara e anche difficile. Dieci punti non sono molti, seppure sotto di noi ci siano comunque tre squadre racchiuse in una manciata di punti. Come atteggiamento stiamo dando il massimo, lavoriamo con impegno e ascoltiamo tutti i consigli del mister cercando di riportarli sul campo la domenica. Vero che mancano i punti, ma sotto l’aspetto del carattere non possono dirci niente e ripeto, si è visto anche sul campo di Ponsacco”. Il Sansepolcro su cosa deve far leva per uscire da questo momento così difficile? “Sembrerà essere ripetiti, ma è assolutamente necessario stare uniti: queste cinque sconfitte consecutive non devono far disgregare il gruppo. La ruota gira e arriverà anche il nostro momento: essendo la 22° stagione consecutiva in Serie D, conosciamo bene questo campionato; è ancora lungo, non dobbiamo fasciarci la testa ma è ovvio che occorra pensare anche alla classifica”. E domenica al Buitoni arriverà la Colligiana: che partita sarà? “Senza dubbio difficile anche perché loro sono nelle parti alte della classifica a un solo punto dalla vetta. Cercheremo di preparare al meglio la partita, studiando anche l’avversario dove poterlo colpire. Massima grinta come sempre per portare al Buitoni i primi tre punti tanto attesi”.