E’ NECESSARIO STARE UNITI, CE LA FACCIAMO: IO HO FIDUCIA!

19 novembre 2015

E’ NECESSARIO STARE UNITI, CE LA FACCIAMO: IO HO FIDUCIA!

Il capitano Andrea Chiasserini commenta questa particolare fase di campionato

I numeri sono senza dubbio importanti: oltre 300 gare con la maglia bianconera del Sansepolcro e quinta stagione consecutiva con la fascia da capitano al braccio: lui è Andrea Chiasserini, cresciuto nelle giovanili prima di approdare oramai diversi anni fa in prima squadra. Un momento non facile per il Sansepolcro dove la classifica non sorride di certo alla formazione di Davide Mezzanotti, nonostante il costante impegno. Domenica è arrivata la quarta sconfitta consecutiva, oltretutto in occasione del tanto atteso derby contro il Città di Castello. “Era una gara dove valevano sempre i tre punti – sottolinea capitan Chiasserini – ma nel derby è una sconfitta che brucia più di altre. Credo che abbiamo comunque fatto una gara dove le abbiamo provate tutte e non condivido chi dice che il primo tempo è stato a marca tifernate. Abbiamo ancora tante partite davanti: noi continuiamo comunque a lavorare e a stringere i denti”. Andrea Chiasserini_1Come mai il Sansepolcro non riesce a guadagnare punti al Buitoni? “Credo che non ci sia una spiegazione ben precisa: quando abbiamo palla fatichiamo un po’ nelle ripartenze. Non è certamente un problema di testa, il motivo per il quale non otteniamo punti in casa credo sia solamente una casualità. Occorre analizzare e stare più attenti nelle ripartenze, come detto, quando la squadra si apre”. L’importanza di avere giovani interessanti in organico? “E’ l’arma a nostro favore: per esempio domenica nel derby contro il Città di Castello Massai a mio avviso è stato il migliore in campo, ed è comunque un ragazzo del ’98. I nostri non sono solamente dei giovani, allo stesso tempo sono pure bravi ragazzi e determinati. In rosa ci sono tre o quattro figure che nel corso di questa stagione sono molto cresciute e lo faranno ancora”. Un messaggio che vuoi lanciare alla città in questo momento particolare per il Sansepolcro? “Qui esiste un progetto interessante che va avanti da anni e tutti i principali attori sono dentro perché attaccati a questi colori e al calcio biturgense. In questo momento è necessario stringersi tutti insieme, dalla società ai giocatori a tutti quelli che ruotano attorno al Sansepolcro e prendere di buono quello che è stato fatto; perché c’è del buono. Nelle ultime due gare, a mio avviso, abbiamo fatto le migliori partite di questo campionato: occorre credere nel lavoro che facciamo e aver fiducia, ripartendo sempre a testa alta. Da una parte il lavoro costante e dall’altra il cuore bianconero e noi lo abbiamo. Ce la faremo: io ho fiducia!”.