LAVORIAMO AL MEGLIO E COSTRUIAMO LA NOSTRA IDENTITA’

LAVORIAMO AL MEGLIO E COSTRUIAMO LA NOSTRA IDENTITA’

26 settembre 2017 Non attivi Di Area Comunicazione

LAVORIAMO AL MEGLIO E COSTRUIAMO LA NOSTRA IDENTITA’

Il capitano del Sansepolcro, Fabio Catacchini, suona la carica alla squadra

Un passo in avanti, proprio di chi ha esperienza alle spalle. Fabio Catacchini non ha sicuramente bisogno di troppe presentazioni: un volto fin troppo conosciuto a Sansepolcro e il suo ritorno – dopo tanti anni di professionismo – è stato accolto con piacere. E’ il capitano, il cosiddetto allenatore in campo: colui che ha il delicato compito di trascinare la squadra in questa fase di campionato; realtà che in cinque gare ha ottenuto altrettanti punti sui 15 potenziali. “Sicuramente, vista anche l’ultima partita – afferma Catacchini – c’è un po’ di amarezza e di rammarico. Abbiamo iniziato un percorso con una squadra completamente nuova: è necessario del tempo, forse un po’ più del previsto; oliare bene i meccanismi e affiatarci meglio. Contro la Sangiovannese e con la Pianese c’è davvero poco da recriminare, certo che sulle altre potevamo racimolare qualche punto in più. C’è da lavorare e non nascondiamoci dietro a un dito”. Dove deve migliorare il Sansepolcro? “Su vari aspetti. In queste partite abbiamo preso troppe reti, seppure scendiamo in campo con una difesa d’esperienza. Se per le prossime gare riusciamo a tenere la casella delle reti subite a zero, ne gioca a favore la classifica ma non solo. Non dimentichiamoci anche di quelle defezioni che abbiamo incontrato nel nostro cammino”. Su cosa deve puntare il Sansepolcro? “Dobbiamo pensare a lavorare e costruire una nostra identità, cercando di fare il massimo in ogni partita per arrivare al più presto in una posizione di classifica tranquilla. Allo stesso tempo lavorare con il massimo della serenità: abbiamo visto che è un campionato equilibrato; ripeto, arriviamo in zone tranquille, che poi si potrebbero aprire anche nuovi scenari”. Come preparare la sfida di domenica prossima contro il Villabiagio? “Come tutte le altre, cercando di fare il massimo e proporre nel campo più di quello dimostrato nel derby contro la Sangiovannese. Il Villabiagio è sicuramente un avversario stimolante che non ha paura di nessuno ed è già riuscito a mettere in tasca un bel bottino. Occorre non farsi intimorire, il mister ci chiede di imporre il nostro gioco e di far girare palla”.