LA GRANDE GIORNATA DEI MATTIA

LA GRANDE GIORNATA DEI MATTIA

15 gennaio 2018 Non attivi Di Area Comunicazione

L’editoriale del Presidente – Mattia é probabilmente il nome più diffuso a Sansepolcro e proprio per ricordarlo, ieri sono stati due nostri calciatori, che proprio così si chiamano, a imprimere la loro firma sulla partita. Partita vibrante, molto ben giocata, con azioni offensive finalmente efficaci e trame di gioco senza fronzoli o leziosità. Una miscellanea perfetta per portare a casa tre preziosissimi punti e guardare con meno apprensione al futuro,  anche se non é stato fatto ancora nulla e il cammino é ancora molto lungo.

E’ sembrato riuscire tutto contro la malcapitata Pianese, che ci aveva distrutto all’andata ma stavolta é tornata a casa con le pive nel sacco. I nostri citti hanno violato per la prima volta il “Corrado Bernicchi” che dobbiamo “usare” in questo periodo per le gare interne, in attesa che rifaccia il trucco il nostro caro “Buitoni” e,udite! udite!, non sono più da soli a detenere la peggior difesa ma sono stati appaiati in questo poco onorevole primato dalla Colligiana con 37, sempre una barca di gol ma tant’é: era un girone intero che, in pratica, detenevamo in solitudine, secondo i numeri, il peggior reparto arretrato. E’ già qualcosa, anche perché la nostra retroguardia appare finalmente più solida.

Con la squadra di Piancastagnaio le cose si sono messe subito bene con una strepitosa azione di Mortaro che ha saltato pure il portiere avversario e ha messo rasoterra al centro per l’accorrente Mencagli (Mattia) che, anticipando un giocatore ospite, ha messo in rete. Altre belle azioni orchestrate ancora da Mortaro e da capitan Catacchini, sempre nel vivo, anch’esso, della manovra biturgense, raddoppio sfiorato e poi centrato in chiusura di primo tempo da Alagia (Mattia), una freccia irresistibile per la difesa della Pianese. Risultato messo in ghiaccio a inizio ripresa ancora con Alagia (Mattia) al termine di una straordinaria manovra d’attacco che ha visto gran protagonista Catacchini. Il giocatore, tornato a Sansepolcro come acquisto più recente durante le feste di Natale, ha depositato nel sacco. Un’azione corale con rete che se segnata in serie A sarebbe stata ricordata almeno fino alla fine del campionato. Per buona pace di coloro che avevano storto il naso alla notizia dell’acquisto di Alagia…  Il gol finale degli ospiti, già a recupero iniziato, ha contribuito solo a farli uscire dal terreno di gioco di Città di Castello con la schiena meno piegata.

Insomma, bianconeri (per l’occasione in casacca arancione; in bianconero ha giocato la Pianese che ha gli stessi colori sociali) dominatori e padroni del campo. Hanno messo perfettamente a frutto il gran lavoro fatto in settimana dal mister e dal suo staff per preparare con la massima determinazione e convinzione il match.

In una bella e positiva giornata, dove abbiamo accennato ai Mattia (di nome), ma tutta la squadra ha funzionato in maniera più che positiva, una notizia poco lieta: Simone Mortaro, che era diffidato, é stato ammonito e dunque dovrà saltare la difficilissima trasferta di metà settimana (turno infrasettimanale) a Forlì, attuale quinto in classifica. Lo riavremo Simone, comunque, più pimpante e determinante, speriamo, che mai nella prossima gara interna (sempre a Città di Castello) domenica prossima, quando ospiteremo il Sasso Marconi.

All’andata, al “Buitoni”, i romagnoli del Forlì furono dominati per un’ora dai nostri ragazzi, che passarono in vantaggio con Parodi (che prese pure uno dei suoi tanti pali) e poi vennero beffati a due minuti dalla fine su contropiede (!). Bissare ora quel risultato positivo sarebbe gran cosa ed impresa eccezionale, D’altronde é questo, e lo ripetiamo per l’ennesima volta, un girone molto strano dove anche nell’ultimo turno tre squadre che sono in grossissime difficoltà di classifica come Tuttocuoio e soprattutto Correggese e Mezzolara hanno costretto al pareggio le prime tre della classe Rimini, Fiorenzuola e Villabiagio. E allora perché non sperare, specie dopo aver visto la bella prova di ieri?

Ugo Russo, Presidente onorario