A tu per tu con Andrea Lomarini

A tu per tu con Andrea Lomarini

25 Gennaio 2019 Non attivi Di Area Comunicazione

Il diciassettesimo appuntamento con “A tu per tu” ha come protagonista il giovanissimo Andrea Lomarini. Il centrocampista classe 2001 ci racconta il suo esordio in prima squadra, il rapporto con Vaccarecci che “lo pesa” ogni giorno, la rete in finale al Torneo Oelker contro il Bastia, l’idolo Ringhi Gattuso, la scaramanzia dei parastinchi, i programmi per il futuro e… tanto altro ancora! Un’intervista a 360 gradi per conoscere meglio Andrea!

Ciao Andrea, innanzitutto parlaci un po’ di te e della tua carriera calcistica…

“Ho 17 anni e abito a Quarata in provincia di Arezzo. Faccio il terzo anno di ragioneria. Ho iniziato a giocare a calcio all’età di 5 anni nella squadra del mio paese. Dopo 5 anni sono andato all’Arno Laterina e questo è il quinto anno che gioco qui a Sansepolcro”

È il tuo primo anno con la prima squadra? Ci racconti il tuo esordio?

“Si è il primo anno. L’esordio è avvenuto alla quinta giornata contro l’Orvietana, partita vinta 3 a 1. È stata un’ emozione unica! Anche se ho giocato solo pochi minuti ero felicissimo di aver raggiunto questo importante traguardo”

Sei molto giovane ma hai già un ricordo che rammenti con piacere?

“A dire la verità ne ho già molti. Se ne devo scegliere uno dico la rete in finale al torneo di Sansepolcro nel primo anno di giovanissimi contro il Bastia. Torneo che poi siamo riusciti a vincere!”

Per quale squadra tifi? E chi è il calciatore al quale ti ispiri?

“Tifo juve! L’idolo sportivo è Gattuso perché mi piaceva molto la grinta che aveva quando giocava e la determinazione che ha oggi come allenatore”

Sei fidanzato?

“Si, da quasi un anno!”

Sei scaramantico?

“Nella mia vita calcistica sono molto scaramantico! Ad ogni partita indosso gli stessi parastinchi che ho da quando ho iniziato a giocare a calcio!”

Il viaggio più bello che hai fatto? E quello invece che desideri fare?

“Il viaggio più bello che ho fatto è stato quando sono andato a Dublino, con la scuola, in prima superiore, è stata un esperienza bellissima. Il viaggio dei miei sogni è quello di visitare le città più importanti degli Stati Uniti”

Cosa ti piace fare nel tempo libero?

“Uscire con gli amici! Quasi tutte le sere ci troviamo al bar del paese per giocare a carte oppure ci facciamo un partita a biliardino!”

Cosa ti piacerebbe fare in futuro?

“Spero di rimanere il più a lungo nell’ambito calcistico e contemporaneamente proseguire gli studi e laurearmi in economia!”

Come giudichi il campionato disputato finora dalla squadra? Come ti stai trovando con mister Bricca e con i compagni?

“Stiamo facendo un ottimo campionato, dobbiamo continuare su questa strada e non adagiarsi sugli allori. Con mister Bricca mi sto trovando veramente bene, è una persona splendida e si vede che ne ha masticato di calcio! Con la squadra mi sto trovando benissimo, siamo un bel gruppo sia in campo che fuori. Diciamo che ho legato con tutti ma in modo particolare con Vaccarecci che mi tiene sul pezzo riguardo l’alimentazione (infatti tutti i giorni mi pesa!!) ma anche con Valori e Gorini che mi danno tantissimi consigli calcistici”

Pratichi altri sport nel periodo estivo?

“Vado spesso a giocare con i miei amici a calcetto oppure faccio delle girate con la bici da strada”

Per chiudere, l’obiettivo personale di Andrea Lomarini per questa stagione è…

“… crescere il più possibile e dare il massimo per aiutare la squadra a raggiungere gli obiettivi prefissati”

Grazie Andrea e in bocca al lupo!

“Grazie a voi, crepi il lupo!”