A tu per tu con Davide Zanchi

A tu per tu con Davide Zanchi

27 Settembre 2019 Non attivi Di Area Comunicazione Sansepolcro

Ciao Davide, innanzitutto ci dici come mai hai deciso di accettare la proposta del Sansepolcro?

“Sono venuto a Sansepolcro perché per me è stata sempre una società e una piazza dove si può fare calcio nel migliore dei modi”

Come ti stai trovando con il mister ed i compagni di squadra? Conoscevi alcuni dei tuoi attuali compagni di squadra?

“Mi sto trovando molto bene con mister Bonura, mi piace molto come lavora. Anche con Bricca era nato un bel rapporto e mi dispiace si sia concluso però purtroppo il calco è anche questo. Per quanto riguarda i compagni sono tutti ragazzi eccezionali, ne conoscevo già diversi ed è anche per questo che ho impiegato pochissimo ad integrarmi con il gruppo”

Di dove sei? Ci racconti la tua carriera?

“Sono di Città di Castello. La mia modesta carriera è iniziata nella giovanili del Citta di Castello per poi arrivare fino alla prima squadra. Da lì ad oggi sono stato in diverse società in Umbria tra serie D ed Eccellenza: Deruta, Group Castello, Sansepolcro, Gualdo Casacastalda, Bastia e Foligno”

Il ricordo più bello che hai legato al calcio?

“Credo sia il gol al 90’ che ho fatto due anni fa in uno scontro al vertice che ci ha permesso poi di vincere il campionato. Non mi era mai successo ed è stato molto emozionante”

Hai un giocatore preferito?

“Forse Alex del Piero dato che sono juventino! Poi Chiellini per il suo modo di giocare”

Cosa ne pensi del suo inizio di stagione della Juve?

“Potevamo iniziare meglio ma sono fiducioso per la stagione!”

Sei scaramantico? Hai un rito che ripeti prima di ogni partita?

“Un po’ si sono scaramantico e come tutti ho i miei riti pre paritita che però non dicono a nessuno ovviamente!”

Il viaggio più bello che hai fatto è quello che invece birrari fare?

“Quando sono stato in America a 20 anni. Esperienza bellissima. Spero di tornarci presto!”

Hai un rimpianto nella tua carriera da calciatore?

“Pochi rimpianti, ho messo sempre tutto me stesso in ogni cosa che ho fatto e sono felice per quello che mi ha dato il calcio finora”

Se potessi cambiare il risultato di una partita che hai giocato, quale cambieresti?

“Una partita di circa 6 anni fa: Spoleto – Gualdo Casacastalda. Era fine campionato, noi lottavamo per vincere mentre loro erano già salvi. Vincevamo due a zero e ci siamo fatti pareggiare due a due. Con quei due punti avremmo vinto il campionato di serie D. Invece lo vinse il Castel Rigone con un punto di vantaggio”

Un sogno che hai nel cassetto?

“Vincere più possibile e magari fare qualche gol!”

Per chiudere cosa ti aspetti da questa stagione? Sia a livello di squadra che a livello personale…

“Mi auguro sia una stagione piena di soddisfazioni sia personali ma sopratutto di squadra, anche se non sarà facile visto il livello che c’è quest’anno. Però so che abbiamo un gruppo con grandi potenzialità e spero di arrivare più in alto possibile”