PREMIO LA CLESSIDRA: ARRIVEDERCI A PRESTO

PREMIO LA CLESSIDRA: ARRIVEDERCI A PRESTO

24 Marzo 2020 Non attivi Di Area Comunicazione Sansepolcro

Oggi sarebbe dovuto essere il mio grande giorno: “signore e signori, come al solito numerosissimi in sala, va in scena ‘La Clessidra 2020’; alla tanta gente presente si uniscono ospiti prestigiosissimi che, come al solito, Ugo Russo e gli altri collaboratori sono riusciti a contattare e ad avere il loro ok pieno di entusiasmo e di voglia di intervenire”. Tanto per fare qualche nome, avevano dato la loro adesione il Presidente della Fiorentina, Rocco Commisso e altri importanti personaggi del club viola; Marcello e Davide Lippi; il portiere campione del mondo Giovanni Galli; i giornalisti Gianni Cerqueti e Giovanni Scaramuzzino; la scuola calcio “Insuperabili onlus”; e il giovane sarebbe stato Samuele Birindelli. Un bel parterre anche quest’anno, che ve ne pare? Ma stavolta ci ha sconfitti un virus invisibile ed implacabile, spietato nel provocare non pochi morti. Ed io, premio nazionale diventato ormai di innegabile rilievo, sono costretto a fermarmi, a cedere il passo, così come ha dovuto fare tutta l’Italia, al viscido e feroce nemico. Ma siamo tutti pronti a combatterlo e a trionfare contro di lui (anche se al momento sta provocando tanta paura), ad allontanarlo dagli effetti e dai pensieri. Si tratterà solo di attendere e di restare a casa per non facilitare la sua voglia di diffondersi. A lui piace molto che la gente si contagi, arrivi a non respirare più. Ma tutti sanno quello che debbono fare: riscoprire la vita casalinga, assieme ai propri cari, non trasgredire le regole dettate, sperando che arrivino tempi migliori e quanto in fretta dipenderà soprattutto da noi. E allora riusciremo tutti fuori, ricominceremo a socializzare, a stringerci le mani e ad abbracciarci. Ed io “La Clessidra” tornerò in altra, e mi auguro prossima, data a risalutare tutti voi, amici della splendida Sansepolcro, per regalarvi un’altra serata piena di spensieratezza, aggregazione, valori e lealtà sportiva.

Si tratterà solo di aspettare per vincere.

Un caro saluto

“La Clessidra”