Perché Lama-Sansepolcro è molto più di un semplice pari in trasferta

Perché Lama-Sansepolcro è molto più di un semplice pari in trasferta

5 Ottobre 2020 Non attivi Di Area Comunicazione Sansepolcro

Finalmente una partita di calcio. Al netto del pareggio non proprio entusiasmante di ieri pomeriggio, Lama-Sansepolcro di Coppa Italia è un match che senza dubbio rimarrà impresso nel cuore di chi l’ha giocato e delle poche persone che hanno avuto modo di vederlo, e le ragioni sono facilmente intuibili. Il 2020 è stato un anno davvero difficile per i bianconeri, partito con i disagi dell’emergenza Covid e proseguito con le travagliate vicende societarie che nei mesi scorsi hanno rischiato di porre la parola fine ad una storia di sport lunga un secolo intero. Poste queste oscure premesse, insomma, essere qua oggi a commentare la prestazione del Borgo è un primo risultato davvero prezioso.

Oggi, fortunatamente, lo scenario appare assai più incoraggiante rispetto ai mesi scorsi. La società si è rinforzata con l’ingresso di un nuovo partner economico e tecnico di alto profilo, gli incarichi chiave del progetto sono stati affidati a persone affidabili da sempre legate all’ambiente, e le attività della prima squadra e del settore giovanile sono ripartite a pieno ritmo e nel rispetto dei protocolli sanitari. Certo, c’è ancora tanto da lavorare sotto tutti i punti di vista: dopo la rifondazione estiva, il Sansepolcro è ancora un cantiere aperto dove i diversi protagonisti sono chiamati ad un’attività di coordinamento e pianificazione. Roma non è stata costruita in un giorno, e per affinare i vari meccanismi gestionali e sportivi del progetto serviranno tempo e pazienza.

Tornando a ieri, l’entusiasmo ancora forte per il ritorno al calcio giocato sarà certamente un alleato prezioso in vista dei prossimi impegni ufficiali. Primo fra tutti, il nuovo confronto di coppa col Castiglione del Lago, che in caso di risultato favorevole potrebbe regalare il passaggio al turno successivo. L’incontro si terrà a Sansepolcro, ma non è ancora ben chiaro in quale stadio a causa di alcune vicende burocratiche che riguardano il Buitoni. In attesa di novità, consapevoli che la federazione umbra al momento ha decretato lo svolgimento delle partite a porte chiuse, l’augurio è che presto possano crearsi le condizioni per far sì che almeno una parte di tifosi possa finalmente tornare al campo per sostenere la squadra.